Cerca
Close this search box.

ORGANIC LAVENDER FARM AND AGRITURISMO IN MAREMMA TUSCANY

Pesto di cavolo nero

Pestodicavolonerox4

Ormai il mio amore per questa magnifica verdura che abita nel nostro orto sinergico dalla scorsa primavera è grande e dichiarato . Amo proprio tutto del cavolo nero: il suo portamento nobile ed elegante, il suo verde così forte ed intenso che mi ci vestirei, e il suo sapore unico e inimitabile.

Dopo averlo mangiato per anni nella nostra zuppa preferita, quando l’ho trasformato in pesto per condirci la pasta, il mio amore e la mia stima sono aumentati.

Il pesto di cavolo nero è così buono da offuscare, a mio parere, la gloria del pesto originale, quello di basilico. E’ riuscito a conquistare anche Viola e Ambra che, dopo averlo assaggiato sulla pasta,  lo spalmano anche sul pane per una merenda sana e gustosa.

Sì perché questo pesto oltre ad essere buono è anche molto versatile, oltre alla pasta si sposa bene con il riso, con il pane tostato per antipasti sfiziosi, o con le verdure e i formaggi per arricchirli e insaporirli.

 INGREDIENTI

– Foglie di cavolo nero biologiche e sinergiche (200 g circa)

– 50 g di pinoli

– 50 g di mandorle

– 1 spicchio di aglio rosso di Proceno

– olio extra vergine di oliva

– parmigiano reggiano

– sale

Pestodicavolonerox6

PROCEDIMENTO

– Lavate le foglie di cavolo nero e lessatele, meglio se con una pentola a vapore.

– Togliete la parte centrale delle foglie e mettetele in un mortaio o in  un robot da cucina, insieme all’olio extra vergine di oliva, l’aglio, i pinoli, le mandorle, il parmigiano reggiano e il sale.

– Pestate bene o tritate, fino ad ottenere una composto omogeneo.

– Al momento di preparare la pasta allungate il vostro pesto con poca acqua di cottura e condite.

Pestodicavolonerox1

Io preparo il pesto di cavolo nero in grande quantità e poi lo surgelo in bicchierini di carta pronti all’uso. Ne tengo anche un vasetto nel frigorifero ricoperto di olio, da consumare in pochi giorni, per condire e insaporire ogni sorta di piatto.

Togliendo il parmigiano e sostituendolo con del lievito alimentare il pesto di cavolo nero diventa anche un condimento adatto a chi segue una dieta vegana.

Provatelo e innamoratevi anche voi 😉

10 risposte

  1. E’ da una vita che desidero un mortaio come quello nella prima foto ma non riesco a trovarlo!!! A parte questa, che è una facezia, la tua ricetta, tanto semplice quanto sfiziosa, deve essere una autentica guduria!!! Da provare.
    Un bacio
    Francesca

  2. Bravi!!!
    Anche io da un anno ho un orto sinergico, grande soddisfazione!! Rilassante e terapeutico.
    Il pesto di cavolo nero anche io l’ho fatto e mangiato, delizioso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto da copyright